La mia strada - Giuliano

Mi sveglio d'improvviso di notte e solo oggi so quanti anni avevo…

Arrampicarmi a tre anni alle corde della chitarra suonata da mio Padre è stato un momento che ancora oggi assaporo, quando mi accorgo che da quella chitarra non mi sono mai staccato, anche quando la salita per arrivare a nuove idee o nuovi obiettivi ti mette alle corde, ma se molte volte si fallisce è perché si ha sempre riprovato e con questa forza eccomi ancora qui, dopo 27 anni con la mia Musica o meglio la mia unica e vera Musa che ha ispirato le parole gridate, sussurrate, maturate ed anche lasciate ferme al pensiero di quando si nasce bambini.

La voglia di vivere per e con la Musica si svegliò presto, ma quando iniziai a portare con me un qualsiasi strumento anche mentre si pranzava, l'idea in casa non piacque! e mentre si guardava la TV? nemmeno! Allora mi era concesso suonare solo sulle pubblicità… mio padre allestì un piccolo Home studio e lì iniziai a registrare sin da molto piccolo sul mio Multitracce a Bobine (su analogico), così maturando sino ad oggi la conoscenza dei mezzi per la registrazione, il mix ecc…

Approfondendo sul campo mi ritrovai a registrareprodurre piccole e grandi band del panorama regionale e nel col tempo mi chiedevano di arrangiare i loro brani, alcuni mi proposero di suonare con loro (grandi e coetanei) così che mi ritrovai a suonare anche con più di 5 Band differenti e diversi strumenti per diversi generi, Blues, Rock, Jazz, Pop, ecc… quando le Band iniziarono aumentare ci diedi un taglio, ma non netto (ovvio).

Tromba - Giuliano

Quando a oggi, dopo 18 anni di Vita vissuta assieme tra Musica e Vera Amicizia e ti senti completo, spuntava nel mio percorso Marco Cass un concentrato di puro Rock Chitarroso! Questa amicizia oggi si innalza come un aereo diretto su mete imprevedibili, tutto è scritto sui fogli di Vita e nelle notti di Live a seguire. Il resto si scrive da solo per chi sa veramente cosa e quanto siamo legati Io e Marco da una forte lega chiamata Verità e complicità dell'amicizia.

Giuliano e Marco - Giuliano

Venne presto l'esigenza di lasciare la mia casa e la realtà della mia Sardegna per ampliare maggiormente le conoscenze Musicali e situazioni Live nelle grandi metropoli, quindi dovetti chiudere anche il mio Studio di registrazione, depositare tutti gli strumenti e apparecchiature nel garage dei miei Nonni.

Con due chitarre per spalla un altra al braccio sinistro e un trolley in quello destro (dove dentro c'erano più CD del mio Primissimo album "Here we are" che indumenti) mi misi in viaggio per La mia Strada …tutto lo Stivale, Inghilterra, Africa, Francia ecc… trovavo gente che mi ospitava, comprava il mio album, mi organizzava serate Live, ma fra le pagine dell'artista non manca mai qualche amore sfumato nella scia di ogni viaggio.

Ci fu il momento dove ebbi la fortuna di conoscere un grande artista, Nicola Mei e lui fu un Vero Fratello Maggiore oltre che uno dei miei Maestri nell'arte del palco scenico e del Sound "One man Band"…. Chitarra e Voce. Vissi da lui a Crema e ricordo ancora benissimo quando arrivai li, subito mi procurò una serata in un locale chiamato "Zanzibar" e li mi fecero subito sentire a casa. Nik mi presentò a tutti e in tutta Italia. Come ultima tappa in un estate frenetica e magica all'Isola d'Elba al "Giannino Live Music " decisi di tornare a casa per il meritato riposo…

Riposo che forse non meritavo visto che qualche mese prima, un po' per scherzo o perché proprio non conoscevo il programma, feci un provino per X-FACTOR, quindi (senza mai pensare che sarei stato selezionato fra una miliare di persone) mi contattarono per comunicarmi che avrei dovuto presentarmi per gli ulteriori provini a Milano.Non feci in tempo nemmeno a disfare le valige che ero nuovamente in viaggio.

In viaggio - Giuliano

E' strano pensare come son cambiate le cose così in fretta.

Stringere la mano a Whitney Wouston, cantare con Lucio Dalla e Loredana Bertè, suonare insieme ai Ballet, parlare tu per tu con Celentano, lavorare fianco a fianco con Arrangiatori che hanno disegnato la storia della Musica Italiana e dall'altra parte la spietata Verità di un meccanismo sudicio.

All'uscita del mio secondo album "Ruvido" classificandomi secondo ad X-FACTOR mi incammino in un nuovo percorso assai più difficile, rinunciando a quella che tutti chiamano "Cavalcare l'onda" e senza scendere più a compromessi o credere a false promesse che possono inaridire l'Anima di un Artista, ecco che dopo 4 anni di lavoro nasce "SUI TUOI PASSI", un Lavoro autoprodotto, con sonorità che mi appartengono e che fanno rivivere la Musica che mi ha sempre nutrito, con dei concetti e riflessioni sulla Vita, aforismi che la interpellano senza banalizzare il pensiero al tormentone che fa aggiungere gli zeri ai numeri di Artisti che appartengono alla case discografiche.

Dopo aver detto NO a "Sapore di sale" in versione dance si chiuse così il rapporto con la casa discografica con il quale lavoravo dopo il Talent ed ora l'unico sapore di sale e quello che sento ogni mattina quando da casa mia (dove c'è anche il mio studio di registrazione), mi sveglio presto e con Elizabeth (il mio Cane) percorro chilometri di spiaggia a raccogliere le nuove idee musicali che il mare mi porta a riva e con le storie di ognuno di noi e di voi nasce l'album così tanto sofferto e sudato "SUI TUOI PASSI" un mix di Gospel, Rock, Blues e senza mai dimenticare la colonna portante che mi tiene sempre in fermento Jimi Hendrix.

Live guitar - Giuliano

Arrampicarmi a 3 anni alle corde della chitarra suonata da mio Padre è stato un momento che ancora oggi assaporo quando mi accorgo che è da qui che arrivo sempre più vicino al mio sogno, dove incontro la Musica unita alla Vita, le soddisfazioni e i risultati condivisi con i veri amici e voglio ridere sapermi più lontano sentir rivivere le storie che cantiamo, ma sempre seguendo "La mia Strada".

Io e mio padre - Giuliano

G.R.

Scarica il nuovo CD di Giuliano